LA MIA ESPERIENZA SUL SET DI UN MEDICO IN FAMIGLIA

Da poco è andata in onda l’ultima puntata della decima serie di Un medico in famiglia, così volevo scrivere qualche riga per condividere con voi la mia esperienza sul set della fiction e raccontarvi qualcosa in più del mio personaggio.

Quando ho fatto il provino per la nona stagione non seguivo la serie, la mia serata tipo era un’uscita con gli amici o un film in streaming a casa, così ho dovuto recuperare vedendomi le puntate precedenti. Quando mia madre piangendo mi ha detto che avevo ottenuto la parte non potevo crederci, ci ho messo un po’ a realizzare. Devo dire che la fiction mi ha stupito favorevolmente, soprattutto per il modo positivo in cui racconta i giovani, che tanto spesso vengono disprezzati da giornali e televisione.

Il personaggio che interpreto si chiama Tommy, dovessi descriverlo con tre aggettivi lo definirei impulsivo, giocherellone e dolce. Per alcuni aspetti mi assomiglia e mi sento molto legato a lui. È uno spirito libero, un tipo ribelle che tende a fare molte sciocchezze delle quali finisce poi per pentirsi. A differenza mia ha un rapporto abbastanza complicato con il padre, i miei genitori invece mi hanno sempre sostenuto in tutto, continuano a farlo e non so come farei senza di loro. A scuola Tommy è uno studente piuttosto svogliato e poco attento, io invece me la sono sempre cavata abbastanza bene. Sotto l’aria da casinista e spaccone Tommy però nasconde un cuore d’oro e il suo fare il duro non è altro che una maschera per esprimere il suo disagio.

L’aria che si respirava sul set durante le riprese era magnifica e lavorare al fianco di attori come Lino Banfi, Milena Vukotic, Flavio Parenti e gli altri è stato un onore per me. Sono dei giganti del cinema italiano e ho imparato tantissimo da loro. Per me ora sono come una seconda famiglia e non vedo l’ora di rivederli tutti!
Sul set si rideva e scherzava insieme, per esempio: una volta durante la ripresa di un mio primo piano Lino Banfi ha iniziato ad imitare il dottor Thomas (un personaggio molto particolare del film Vieni avanti cretino) e io non riuscivo più a fare la scena per quanto ridevo.

Ancora non si hanno certezze riguardo alla prossima stagione, ma io mi auguro di farne parte e che voi seguiate me, le vicende della famiglia Martini e tutti gli altri! Nel frattempo tenete d’occhio il mio sito e i miei profili social per rimanere aggiornati su tutte le novità.
Un abbraccio!

Riccardo Alemanni